Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for agosto 2007

Perchè scomodare il titolo di un grande film per un misero blog? Ora ve lo spiego.

Il mio blog è arrivato alle 1000 visite, e buona parte di ciò lo devo alla “pubblicità” fattami da Ilaria, Reloj de Arena e Alefzero (per la quale ringrazio ancora) per quanto riguarda la mia censura sul blog di Raffaella.
In quei giorni ho raggiunto picchi di 131 e 101 visite, molte delle quali erano visite al mio post “Ahi Costantin di quanto mal fu matre” che infatti si è attestato intorno alle 150/160 visite. Ad oggi precisamente siamo a 158.

Pensavo che fosse un risultato ineguagliabile per il mio povero blog, ma non è così!
No perchè proprio ieri è c’è stato il sorpasso! “Caldo, tette e culi” è giunto a 163!

Dovrei essere felice, forse? Potrei, se non che è arrivato in una maniera un po’ spiacevole.

Sì perchè molte persone su internet, cercando cose non proprio ordinarie, sono giunti al mio blog. Qualche esempio? Eccoveli.

(altro…)

Annunci

Read Full Post »

Sono appena tornato!!!
Per cui mi sembrava giusto festeggiare con un nuovo post!

Comincio col dire che, come pronosticato, mi sono pentito tantissimo di essere andato in vacanza … sono più stressato e incazzato di prima, non ho studiato una cippa e mi sono annoiato tantissimo!

Ma raccontiamo un attimo questa settimana … i due momenti belli della vacanza sono stati quando me ne sono andato per le colline campane per una escursione solitaria in ciabatte … ho fatto un sacco di foto!
E poi mi sono fatto un due ore di canoa! Fantastico!! Ho rischiato di essere portato via dalla corrente e morire in alto mare … ma ho scoperto una bellissima spiaggetta dove fare anche i tuffi dagli scogli! Senza dimenticare che ho anche perso le braccia per tutto quel vogare!!

Tutto il resto è noia.

Il mare non era eccellente, tempo caldo con poco vento (e se c’era era caldo), noia come se piovesse! Tranne l’ultimo giorno … come al solito mi diverto quando ormai la vacanza è alla fine!!

Per il ritorno mi sono beccato 13 ore di macchina!!! Di cui almeno un paio di coda e un altro paio di rallentamenti!! Coda e caldo … un mix che farebbe saltare i nervi a chiunque!!

E ora sono tornato …

Devo studiare per il test, il durissimo test per l’ingresso alla facoltà di medicina!! Diamine che voglia!!!

Vabbè, mi farò forza col pensiero del caffè con Ilaria! 😀

p.s.
Ogni tanto, come dice Tiziano, bisogna volersi pure bene, no?!
Quindi oggi mi farò gli autocomplimenti per il titolo di questo articolo!! 😀
Devo dire che è proprio geniale!! (spero proprio che tutti abbiate capito a cosa mi riferisco!!)
**Luca si tira pacche sulle spalle**
pac pac pac
**Luca si stringe la mano**

Read Full Post »

Pausa momentanea

Essì … per la vostra gioia dovrò abbandonare il blog per un po’.

Fra lo studio per un test universitario che al 99% non passerò, fra le difficoltà che sto trovando in questi giorni con un’amica e che mi stanno buttando sempre più giù, fra che stare in casa mi rende paranoico e fra che il 18/8 e il 26/8 sarò (purtroppo) in vacanza … non ho proprio tempo per scrivere articoli per il blog.

Spero di riprendere a pieno regime dopo il 4/9, data del test che non passerò … in ogni caso darò sempre un’occhiata al blog per rispondere ai vostri eventuali commenti, se mai ce ne saranno.

Ciao! Ci si sente spero il più presto possibile!!

Read Full Post »

Ok ok … fare 3 articoli sulla Chiesa o (come questo) sulle religioni in generale su un totale di 6 articoli può sembrare eccessivo, ma l’argomento mi prende e non posso farci nulla!

Girovagando per i blog ho beccato qui un bellissimo documentario.

Premetto che non è nuovo e quindi è possibilissimo che l’abbiate già visto … ma non mi interessa … questo documentario deve essere assolutamente presente nel mio blog.

Nel documentario (ad opera di Richard Dawkins) si attaccano tutte le religioni come le radici di tutti i mali che affliggono il nostro pianeta … beh se non tutti quasi.

Guerre, odio, razzismo, omicidi … tutto potrebbe essere imputato agli integralismi (ma non solo quelli) delle varie religioni.

C’è da dire che in questo documentario ci sono molte domande che mi pongo da tempo:
È giusto insegnare ai bambini (quindi a persone prive di senso critico, pronte a credere qualsiasi cosa venga detta loro) i dogmi della religione?
Come è possibile pensare che solo chi ha fede ha una morale?
È possibile coniugare scienza e fede? Oppure bisogna scegliere un partito e aderirvi?
È accettabile che nel XIX secolo ci sia così tanto disprezzo per la scienza e così tanto cieco abbandono fra le braccia delle
“metafisiche per il popolo” schopenhaueriane?

E forse la più importante di tutte è questa, proposta da Daniele Luttazzi:
È forse un caso che in Medio Oriente, culla delle tre maggiori religioni monoteiste mondiali, ci sia una guerra perenne da anni?

Beh, ho le mie risposte che messe in ordine sono:
No. Secondo me è un colpo basso degno delle peggiore dittature.
Chi lo pensa è un folle ed è dissociato dalla realtà.
O si è “scienziati” o si è “teologi”, non c’è via di mezzo. Se uno decide di aderire ad una religione deve perseguire ogni suo dogma … non c’è posto per scegliere i dogmi che più aggradano.
È francamente inaccettabile.
No, non è un caso.

(altro…)

Read Full Post »

Here we are again

Rieccoci qua a parlare di censura …

Penso che d’ora in avanti ogni commento che non mi pubblicheranno lo pubblicherò io stesso sul mio blog … magari qualcuno che frequenta quello si accampa qui perchè vuole sentire una voce diversa (pur non condividendola) … uno ci spera …

Sì lo so sto vaneggiando …

Comunque prima di postare il mio commento vorrei rendervi noto il commento di Tiziano anch’esso censurato da quello stesso blog … un bellissimo commento scritto da un cristiano.
So che molti di voi magari l’avranno già letto nei commenti al mio articolo precedente sulla Chiesa (in questo caso potrete pure saltarlo), ma credo che qualcuno non legga i commenti e questo è veramente degno di essere letto, per cui eccovelo:

“Non entro nel merito dell’articolo di Scalfari. Dico solo che ne condivido una parte e non ne condivido altre. Ma tant’è, in democrazia ognuno ha il diritto di dire ciò che pensa e di conseguenza, chi legge ha il diritto di controbattere e di confutare.

Leggendo i commenti finora pubblicati non so dire se siano più rancorosi o se più semplicemente definirli banali, privi di sostanza sufficiente a confutare Scalfari. Sicuramente li trovo in generale poco cristiani già per il solo presupposto che tendono ad affermare “che solo noi abbiamo la verità in tasca”.

Se questo, per la nostra Fede in Gesù Cristo, è sicuramente vero … non lo è altrettanto per il modo di attuarla. Giovanni Paolo II ci ha insegnato che bisogna guardare con fermezza al nostro passato storico e trarne tutte le conseguenze senza paura e, quando si riscontrano errori, avere il coraggio di chiedere perdono ma, soprattutto, avere il coraggio di non ripetere gli sbagli e di cambiare vita.
E uno dei nostri errori storici più gravi è stato quello di arroccarci nelle nostre sacrestie e di difendere i nostri privilegi.

Intendiamoci, so bene, per esperienza personale, quanto enorme e benedetto lavoro viene svolto nella Chiesa a tutti i livelli, dalle associazioni e alle parrocchie, dalle diocesi alle missioni. Questo dev’essere il nostro unico privilegio: lavorare per il bene dei fratelli ma anche e soprattutto per chi è lontano.

Lavorare per gli altri implica necessariamente una revisione continua del proprio essere e del proprio rapporto con Dio e significa soprattutto ascoltare.

L’articolo di Scalfari può anche essere non condivisibile sotto molti aspetti … ma sono convinto vada letto con attenzione perché molte delle cose che dice si stanno effettivamente verificando, perché quello che Scalfari afferma è effettivamente l’immagine che noi stiamo dando a chi ci guarda con attenzione …

Se ci facessimo davvero un serio esame di coscienza … constateremmo che non sbaglia quando dice che “gli italiani non sono cristiani ma si dicono cattolici e non praticano” e se guardiamo le nostre chiese e i nostri oratori, ma soprattutto tanti comportamenti di “cristiani” che ci circondano … non possiamo altro che notare quanto Scalfari non si sbagli. Anziché scagliare reprimende (e anche insulti nemmeno troppo velati) faremmo bene a sfruttare anche queste occasioni per guardarci davvero dentro.

Concludo con una considerazione per Raffaella. Giustissimo il pubblicare integralmente l’articolo di Scalfari ma correttezza vorrebbe che le considerazioni personali vadano pubblicate alla fine, e non tra parentesi, per dar modo al lettore di rendersi conto di quanto scritto senza essere preventivamente influenzato da altre opinioni.

Così come sarebbe opportuno e giusto pubblicare anche le opinioni contrarie alle nostre … visto che so di post censurati e non pubblicati, non perché offensivi, ma semplicemente perché “contrari”.

Sarà pubblicato questo mio intervento? Spero di sì. Se qualcuno si sente offeso dalle mie parole me ne dolgo ma questa è la mia opinione.

Un saluto”

Essendo io ateo ovviamente non lo posso condividere in ogni suo punto, però resta lo stesso un commento bellissimo degno di essere letto.

E veniamo a noi.

(altro…)

Read Full Post »

La battuta del giorno

Per chiudere in serenità questa focosa giornata:

Paura per il lancio di sassi dal cavalcavia a Brescia, fortunatamente nessun ferito.
Anche in Puglia si vivono momenti di panico quando, a Monopoli, quattro restano feriti per il lancio di un dado.

AHAHAHAH
So che è stupida, ma come non dirla?!?
😀

D’altronde non vi aspetterete mica un blog tutto serioso!?!?
😀

Read Full Post »

Piccolo prologo:
Mi ero detto che non volevo partire subito con post troppo polemici, o comunque con post che potessero offendere qualcuno, poi però Eugenio Scalfari se ne esce sulle pagine de “la Repubblica” con questo articolo.

Potevo forse io rifiutare l’occasione offertami da Scalfari?
No! Direi proprio di no!

Come potete vedere il titolo del mio post (e così il titolo dell’articolo di Scalfari) è preso dalla citazione dantesca:

Ahi, Costantin, di quanto mal fu matre,
non la tua conversion, ma quella dote
che da te prese il primo ricco patre!

(cfr. Inferno XIX 115-117)

Qui Dante fa una tirata contro la Donazione di Costantino che sancì il potere temporale ecclesiastico, origine di tutti i mali della Chiesa (e non) secondo il sommo poeta (e anche secondo me).

Chissà cos’avrebbe detto Dante se avesse scoperto che quella donazione nient’altro è che un falso? Chissà come si sarebbe indignato sapendo che la Chiesa si è appropriata del potere temporale con un falso?

Ma non sono qui a parlare di Storia … voglio invece parlare del potere temporale che la Chiesa usa tutt’oggi intromettendosi sempre di più negli affari dello Stato italiano.

Sì perchè se è ormai chiaro quanto non mi sembri giusto che quella che dovrebbe essere la guida spirituale di milioni di persone, in realtà goda di un potere politico enorme; non mi è invece ancora chiaro come mai la stragrande maggioranza dei politici italiani non sembri soffrire queste ingerenze. Ultimo capitolo della saga è l’incredibile errore di Prodi che invoca aiuto dal clero per combattere l’evasione fiscale.

E stenderei un velo pietoso su ciò.

Detto questo: la Chiesa vuole godere di potere temporale? La Chiesa vuole godere di potere politico? Bene! Però quanto meno tutti abbiano il coraggio di trattarla come uno Stato! Il Papa come capo di governo e la sua combriccola come i ministri et simili.

Cosa succederebbe se degli stati stranieri si intromettessero nella politica italiana? È successo che D’Alema abbia usato toni duri contro sei capi di governo europei che esortavano l’Italia a fare qualcosa per la politica estera (probabilmente una delle due sole cose buone che D’Alema ha fatto e farà nella sua vita; la seconda cosa buona sarà morire).

E perchè questo non accade con la Chiesa? Perchè si sà che in Italia la compontente politica cattolica è sempre importante; d’altronde 50 anni di governo DC non si cancellano con un tratto di penna.

Purtroppo.

E quindi ci dobbiamo tenere questa Chiesa politicizzata che si intromette senza il benchè minimo rispetto negli affari italiani … sulle leggi, sulle riforme e, cosa che mi da ancor più fastidio, sulla ricerca scientifica. Ostacolano la ricerca scientifica con la loro morale! Loro!! Loro che potrebbero mangiare ogni giorno su piatti d’oro diversi!! Loro che prendono dallo Stato italiano svariati milioni di euro (sia per quanto riguarda l’8×1000 sia per quanto riguarda tutte le esenzioni fiscali di cui godono. E quest’ultima è inconcepibile.) e lasciano morire la gente in Africa.

Non pensiate che io stia facendo facile demagogia, non ce l’ho con i missionari (anche se molti di loro contribuiscono al diffondersi dell’AIDS professando che il preservativo è peccato) o comunque con i preti, ce l’ho maggiormente con gli alti funzionari dello Stato ecclesiastico, quelli che sono troppo occupati a spendere per i loro lussi piuttosto che mandare soldi nelle loro stesse missioni in Africa.

E taccio delle altre missioni in tutto il resto del mondo … la situazione non cambia … anzi peggiora.

Detto questo trovo sia dovere di ogni cittadino italiano indignarsi e combattere le ingerenze della Chiesa. Attenzione però, la Chiesa non si combatte come ultimamente a Genova stanno facendo un paio di deficenti! Non si spediscono proiettili al capo della CEI, non si scrivono minacce di morte sui muri.

La Chiesa va battuta col dialogo e con l’inchiesta, non con la forza. Il cammino è difficile e lungo (Scalfari ipotizza che ancora per 3-4 generazioni non ci sia niente da fare … io purtroppo sono più pessimista di lui, ma questo è un mio classico) ma non impossibile.

Questo post non agiterà le folle e non farà cadere la Chiesa, ma la mia voce l’ho fatta sentire e continuerò a farla sentire, perciò sono in pace con me stesso.

Piccolo epilogo:
ieri, girando su internet cercando di informarmi per meglio articolare questo post, mi sono imbattuto in un blog tenuto da una fervente cattolica che difendeva a spada tratta il Papa dall'”attacco” di Scalfari. Prontamente ho mandato un commento per dire la mia, un commento pacato e pronto al dialogo.
Ma sono stato censurato.
C’è un misto di delusione ed orgoglio in me ora. Sono deluso che un mio commento non sia stato messo sul web (infatti era a discrezione della blogger se postare i commenti ricevuti, e già questo la dice lunga sulla libertà data da qual blog); ma non posso negare di essere orgoglioso che un mio commento abbia fatto “paura” tanto da non poter essere postato … e sono anche orgoglioso d’aver dimostrato come anche alcuni cristiani che difendono la morale cattolica fino in fondo non si fanno troppi scrupoli ad usare l’ignobile arma della censura.
Ma come distinguere i censori dal censurato? Beh, il censurato linka il blog! Perchè bisogna sempre distinguersi dalla gentaglia.
Blog cristiano

Read Full Post »

Older Posts »