Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘italiano’ Category

Casino. L’intervento della Guzzanti al “No Cav. Day” ha creato un grosso casino. Sia per le dichiarazioni sul papa, sia per quelle sulla Carfagna. Pronta la levata di scudi da parte di più o meno tutti perchè no, non si può parlare così del papa e perchè no, in piazza non si può dire “uccello”. O forse perchè qualcuno ancora pensa che la Carfagna sia lì per meriti politici, non so.

“la Repubblica” intervista un amico della Carfagna che – testuali parole – “le ha fatto da cicerone in Parlamento”. L’amico del ministro è il vicecapogruppo del PdL alla Camera, tale Italo Bocchino.

Ecco, ora capisco un ammucchiata mucchio di cose.

Annunci

Read Full Post »

Baciamo le mani.

– Che poi, io, fossi in Ratzinger, avrei schifo a farmi baciare la mano da un verme simile. Inoltre guarderei che non mi abbia fregato l’anello, altro che Robin Tremonti dei miei coglioni..
– Che poi, io, fossi in Berlusconi, avrei schifo a baciare un figuro simile.

Non sono nè Truffolo ne il pastore tedesco, però posso dire che queste due foto sono pura diarrea visiva.
E non ho nemmeno voglia di parlare della diarrea uditiva delle parole che si sono detti, chè sto mangiando e non voglio passare la notte sul cesso a vomitare.

Read Full Post »

Cazzo, più di un mese che non scrivo.

“Si è preparato con un articolo bomba, uno di quegli articoli capaci di smuovere le coscienze e far scendere in piazza la gente” – penserà forse qualche ingenuotto.

Manco per l’anticamera del cervello.
Parlo ancora di chiavi di ricerca, altrochè.

Le puntate precedenti le trovate qua sotto:

Il sorpasso
L’allungo
La vittoria

(pssst.. se qualcuno avesse un’idea per il titolo da attribuire al prossimo articolo che parlerà di chiavi di ricerca ne sarei felice, che qua non so più come andare avanti con la serie)

Ma ecco le chiavi di ricerca.. dopo una lunga (5 minuti) selezione (mi sono bendato e ho scelto a caso) ecco a voi le chiavi di ricerca:

la follia di berlusconi
quale, di grazia? Potrei andare avanti per ore a scrivere e non arriverei nemmeno a metà

video di gente pazza omicida
O.O

uomo timido sintomi
“dottore dottore, sono malato” – “che ha?” – “arrossamento delle guance e invisibilità in luoghi affollati” – “ahia, sembra essere un brutto caso di timidezza. Deve cominciare a pensare al testamento”

come dire vaffaculo
vuoi che ti faccia lo spelling? V-A-F-F-A-C-U-L-O | vi-a-effe-effe ‘nculo. Se invece hai bisogno di un aiuto visivo, allora c’è anche un video.

odio la mia bruttezza
pensa te quando odiamo noi la tua, di bruttezza 🙄

dove s’è cacciato bin laden
mezzo mondo che lo sta cercando, mancava cercarlo anche su internet

luca pesenti suicidio
è questo che volete? O_o Sono mica un emo io..

culi.culi.
il nuovo codice mors: scordatevi la linea e il punto, arriva il culo e il punto (presumibilmente G)

LE TETTE DI LUTTAZZI
quella gran topolona di Luttazzi.. 🙄

binetti topless
c’è un’immagine più orrida di questa? Brr

foto cazzi amputati
brrrrrrrrrrr questa è decisamente più orrida. Forse. 🙄

a 38 anni avevo voglia di cazzi giovani
maddai? Chiamami al numero 338/92XXXXX :mrgreen:

EDIT:

foto tette flavia
ehm.. Flavia.. qua c’è gente che chiede di te. 😆

Read Full Post »

Ok, sono passati quattro giorni dal risultato delle elezioni e si può finalmente ragionare e commentare a mente fredda senza facili isterismi.

Il PdL ha vinto con il 47,3%/46,8% (Senato/Camera) mentre Veltroni è arrivato solo a 38%/37,5%.
Grande riscossa della Lega (8%/8,3%) e dell’Italia dei Valori (4,3%/4,3%), forse dovuto alla sensazione di insicurezza e di sfiducia nella politica.
Sonora debacle della sinistra che cade fragorosamente e scompare pressochè nel nulla, così come la Destra.
L’UDC invece si salva per un pelo, al contrario di Ferrara che letteralmente scompare (ed è difficile dato la sua stazza).

Alla fin della fiera Berlusconi ha vinto ancora e si farà carico del Governo del paese per altri 5 anni.

Italiani, ve lo dico a mente fredda, freddissima. Dicevo – italiani, detto fra noi e a mente fredda: siete delle grandissime e incommensurabilissime teste di cazzo.

A mente fredda, eh.

Read Full Post »

L’università mi sta ciucciando via ogni forza di vivere, ogni voglia di fare anche il benchè minimo sforzo. Così, di conseguenza, anche la mia presenza sul blog si è drasticamente ridotta, nonostante avessi molte cose da dire.

Avrei voluto parlare del video in cui Calabresi sputtana la Chiesa per quanto riguarda la questione degli omosessuali (che se ci fossero persone intelligenti non sarebbe affatto una “questione”, ma vabbè..). Avrei voluto affermare che sarebbe anche ora di bacchettarla, ‘sta Chiesa, che questa volta ha decisamente cagato fuori dal vaso in modo vistosissimo. Altrimenti imbastisco una nuova guerra per inglobare Città del Vaticano con l’Italia e poter costruire nuovi parcheggi buttando giù un po’ di palazzi. Tanto bastano 15 uomini, una fionda (leggasi “contrappasso”) e uno stuzzicadenti ciascuno; in fondo sono svizzeri, che ci possono fare?
Ne avrei voluto parlare, ma ci ha pensato lui.

Avrei voluto parlare della nuova iniziativa di Dawkins (The Out Campaign), che prevede di mettere una “A” per riconoscere il blog di un ateo. In pratica avrei solo detto che aderivo e che avrei messo anch’io, sulla colonna di destra, la “A” riconoscitiva sul mio blog per non nascondere il mio ateismo. Che poi non porti a nulla questa campagna lo so benissimo, ma intanto io mi faccio riconoscere.
Ne avrei parlato, ma ha già detto tutto lui.

Avrei anche voluto parlare di Berlusconi che, con un gesto antidemocratico, ha strappato il programma del PD. Avrei parlato anche del Berlusconi antipolitico che accetta un fascista nel partito solo perchè può fargli propaganda, nonostante Fini fosse già nero (presumo anche d’umore, ma non ci giurerei).
Avrei parlato della prima cosa se non fosse passato troppo tempo, mentre della seconda cosa si è già occupata lei.

A me quindi cosa resta da dirvi? Nulla.
Cosa vi ho detto? Nulla.

Ci sentiamo un’altra volta.

Read Full Post »

.. se la più piacevole emozione degli ultimi tempi te la regala un trailer.

D’altronde se uno ha una vita sociale degna di non essere assolutamente divulgata, le cose vanno così.
Voglio dire, con chi posso passare il mio tempo? Chi mi fa passare i brutti momenti con un abbraccio?
Di persona reale nessuna, però ci pensa Lui (“L” maiuscola, please): Indiana Jones!

Ok, lui non abbraccia, al massimo frusta, ma il senso è quello.

Il fatto è che ieri è uscito il nuovissimo e attesissimo trailer di Indy e non facevo altro che balzare per casa con la colonna sonora sparata al massimo.
Al bando gli indugi, eccovi il trailer:

Indiana Jones e il Regno del Teschio di Cristallo

Emozionante. Fantastico. Commovente. Straordinario. Sublime. Stupendo. Esaltante. (il mio dizionario linguistico basic italian standard ha esaurito i sinonimi)

Ok, ma passiamo alla fase in cui cerco di discolparmi per essermi banalmente commosso di fronte a un trailer.
Dovete sapere che Indy è stato il film della mia infanzia, insieme a Jurassic Park. (uhm, ora che ci penso la mia infanzia è stata caratterizzata da cuori pulsanti strappati dai petti delle persone e da gente smaciullata fra le zanne di un T-Rex.. sarebbe il background perfetto per un assassino, a dire il vero.)
Beh, è capibile la mia emozione di fronte al trailer che aspettavo da anni, no?

In ogni caso, per chi desidera saperne di più, vi rimando all’ottima scheda fatta da BadTaste sul film.

Vi dico solo una cosa: il 23 maggio tutti davanti al cinema per questa nuova avventura del professore più avventuroso (e ironico) che sia mai esistito.

Read Full Post »

O meglio: il Governo è caduto. Prodi si è dimesso. Stanno arrivando.

E chi interpreta la parte dei mangiamorte? Ovviamente il trio Fini-Bossi-Casini, capitanati dal malefico Silvio Berlusconi, anagramma di “brutto pezzo di merda, sei la rovina dell’Italia, che tu possa morire fra atroci sofferenze!”.
Dite di no? Vabbè..

In ogni caso, c’è poco da dire: il Governo Prodi ha fatto male.
Che poi, ragionandoci, ha sì commesso molti errori e credo che l’elettorato di sinistra ne sia conscio, ma ciò che pesa di più sugli elettori di sinistra credo che sia lo sconforto.
Dopo i 5 orribili anni di fascismo light berlusconiano tutti noi ci si aspettava una svolta, una sferzata che rimettesse l’Italia in carreggiata. Purtroppo non c’è stata.

A onor del vero il compito di Prodi è apparso proibitivo fin da subito: una coalizione talmente eterogenea che si temeva potesse cadere anche solo al bar, nella decisione di quale brioche fosse meglio: marmellata o crema? Con Mastella che sarebbe saltato fuori con la storia della cioccolata..

C’era, nonostante tutto, fiducia prima delle elezioni. Fiducia per i sondaggi che davano il centro-sinistra in netto vantaggio, fiducia per la sconfitta di Berlusconi. Fiducia che, ahimè, si è persa il giorno stesso delle elezioni.
Eravamo (io e i miei compagni di classe) a scuola con la radiolina per seguire gli exit-pool che, in un primo momento, davano alla sinistra una vittoria netta, nettissima.
Arrivato a casa, la tragedia: la destra aveva rimontato. La sinistra aveva vinto, ma con una maggioranza così risicata che, si diceva, sarebbe bastato un raffreddore che lasciasse a casa un parlamentare e il governo sarebbe caduto.

La soluzione più logica, a questo punto, sarebbe stata quella di fare la riforma elettorale e riandare al voto, ma i politici ci tengono alla poltrona, non la mollano per così poco.

E così si sono avuti questi quasi due anni di Governo, due anni pieni di tentativi di spallate dal centrodestra senza che mai il Governo cadesse. Alla fine ci ha pensato Mastella: che se l’infili nel culo la sua brioche al cioccolato!

L’ultima delusione resta il PD. Questo partito, con un acronimo così simpatico da ricordare una bestemmia, mi aveva riempito di fiducia. Finalmente un partito unico di sinistra, ci sarebbero state meno lotte, meno diatribe, ci si sarebbe mostrati compatti alla gente.
Invece il PD è stato ancora più una delusione di quanto non lo sia stato il Governo Prodi. Partendo dall’intenzione di Veltroni di fare un’intesa con Berlusconi, per finire con la Binetti. Non farò un carosello per le vie della mia città alla morte della Binetti (questo è un onore che riservo a Berlusconi e all’Imperatore Palpatine), ma sicuramente un sorriso ben più che abbozzato solcherà il mio volto e, perchè no, potrei anche stappare una bottiglia di birra (lo spumente lo tengo per la morte di Bossi e di Fini, Casini non lo degno nemmeno di un bicchiere d’acqua..).

Resta il fatto che, delusione a parte, il Governo ha fatto male: nessuna legge elettorale è stata fatta, non è stata fatta una legge che ripenalizzasse il falso in bilancio, non è stata fatta una legge contro il conflitto di interessi o contro l’immunità parlamentare. Stavano provando a fare una legge per la riforma delle telecomunicazioni (per chi non lo sapesse ancora: Rete4 occupa delle frequenze abusivamente, dovrebbe sloggiare da quel posto; ma, si sa, a Berlusconi piace l’abusivismo..), ma non hanno fatto in tempo.

Per non parlare dei diritti civili! Ammetto che non ho capito i Dico; non li ho capiti. Per quanto ne so i Dico non hanno ragione d’essere. Per cui se ci fosse una buon’anima che abbia la pazienza di spiegarmeli, sapete come contattarmi.
In ogni modo c’è chi dice che i Dico fossero solo una “scusa” per regolarizzare le coppie omosessuali. Se fosse solo per questo io sarei stato contrario.
Sì perchè se fosse stato così, sarebbe stato solo un compromesso, una mancanza di coraggio da parte del Governo che aveva paura a pronunciare la parola “matrimonio” nella stessa frase in cui è presente la parola “omosessuale”.
A me i compromessi non piacciono più di tanto, avrei preferito (e avrei ampiamente appoggiato) se il Governo avesse proposto il matrimonio omosessuale e, ovviamente, anche l’adozione da parte di coppie omosessuali.

Stesso discorso per l’eutanasia. Hanno politicizzato il caso Welby senza mai prendersi l’onere di fare un discorso serio (con consecutiva proposta di legge) sull’eutanasia.

Non è stato nulla di tutto ciò, e l’Italia resta un paese incivile.

(altro…)

Read Full Post »

Older Posts »