Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘politica’ Category

Prima ci dicono di chi possiamo innamorarci e di chi non possiamo; poi ci dicono come dobbiamo morire o come non dobbiamo. Ora ci dicono pure cosa mangiare e cosa no. Quando ci diranno come, quando dove e perché andare in bagno? No perché ormai la strada è quella, me l’aspetto.

L’ananas definito “come simbolo di ciò che non è italiano”; chè le robe italiane sono buone, sono sane e sono, forse principalmente, italiane. Siamo arrivati al provincialismo pure quando si parla di cibo, si torna indietro giorno dopo giorno.

Read Full Post »

Playboy è in crisi, nemmeno la figa tira nei momenti bui. Branchi di buoi festeggiano per il riconoscimento del loro lavoro.

La Gelmini afferma di non capire il motivo delle proteste di piazza. Grande presa di coscienza, da parte della Gelmini, quello di ammettere il suo ritardo mentale.

La morte di Haider, fascista con simpatie omosessuali (qualunque cosa questo significhi), sconvolge il mondo fascista austriaco; ma i fascisti, inguaribili ottimisti, riescono a vedere lo stesso il bicchiere mezzo pieno: “Al funerale potremo vestirci di nero”.

Read Full Post »

Finite le Olimpiadi si torna alla vita normale:
– la Meloni tornerà a comprare roba cinese perché, si sa, sono gli atleti a dover affrontare la democrazia, mica i politici.
– Frattini cercherà di capire dov’è stato l’8 agosto e dove sia Pechino.
– le dodicenni cinesi arruolate come sedicenni per le gare di ginnastica torneranno nell’ombra, pronte a essere soppiantate da altre dodicenni alle Olimpiadi londinesi (pensavate forse che facessero gareggiare vere sedicenni a Londra?).
– il Tibet tornerà ad essere soppresso e tutti se ne sbatteranno i coglioni, tranne se Richard Gere farà un altro spot per la Fiat.

Per la Cina tutto grasso che cola.

Read Full Post »

Da “Canzone del maggio

E se credete ora
che tutto sia come prima
perché avete votato ancora
la sicurezza, la disciplina,
convinti di allontanare
la paura di cambiare
verremo ancora alle vostre porte
e grideremo ancora più forte
per quanto voi vi crediate assolti
siete per sempre coinvolti,
per quanto voi vi crediate assolti
siete per sempre coinvolti.

Da “Sogno numero due

Ascolta
una volta un giudice come me
giudicò chi gli aveva dettato la legge:
prima cambiarono il giudice
e subito dopo
la legge.

Oggi, un giudice come me,
lo chiede al potere se può giudicare.
Tu sei il potere.
Vuoi essere giudicato?
Vuoi essere assolto o condannato?

Fabrizio De Andrè cantava queste canzoni nel 1973 nell’album “Storia di un impiegato“. Se la prima citazione si è verificata ad aprile, la seconda non si è ancora realizzata, ma con tutti gli attacchi giornalieri alla giustizia da parte di Berlusconi sembra non essere molto distante il giorno in cui si accadrà anche questo.

Mi chiedo solo se fosse avanti lui, o se siamo indietro noi.

Read Full Post »

Grecia, Zante, 15/7/2008: gara di sesso orale sulla spiaggia, in attesa della promozione a sport olimpico in vista di Londra 2012.

Madrina dell’evento: Mara Carfagna.

Lo sdegno della vincitrice: “Dov’è il mio ministero?”

Read Full Post »

Casino. L’intervento della Guzzanti al “No Cav. Day” ha creato un grosso casino. Sia per le dichiarazioni sul papa, sia per quelle sulla Carfagna. Pronta la levata di scudi da parte di più o meno tutti perchè no, non si può parlare così del papa e perchè no, in piazza non si può dire “uccello”. O forse perchè qualcuno ancora pensa che la Carfagna sia lì per meriti politici, non so.

“la Repubblica” intervista un amico della Carfagna che – testuali parole – “le ha fatto da cicerone in Parlamento”. L’amico del ministro è il vicecapogruppo del PdL alla Camera, tale Italo Bocchino.

Ecco, ora capisco un ammucchiata mucchio di cose.

Read Full Post »

Non scopro l’acqua calda se dico che la Carfagna si è fatta strada a suon di pompini, dico solo che, ora che l’hanno piazzata al ministero delle Pari Opportunità, io mi aspettavo una dose annua di fellatio gratis (al grido di “più pompini per tutti”). Non so, potevano fare una sorta di Carta Sociale: invece di trattare su 400 miseri euro all’anno mettevano in ballo una cinquantina di pompini annui. Perchè cos’è ‘sta storia che c’è chi si diverte e chi no? Dove sta la mia parte? Pari opportunità per tutti, cribbio.

E se le donne reclamano una Carta Sociale per i cunnilingus gliela si concede, chè qua non si sta a guardare in faccia a nessuno (anche perchè durante un rapporto orale si è impegnati a far altro).

Read Full Post »

Older Posts »