Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘psiconano’ Category

Da “Canzone del maggio

E se credete ora
che tutto sia come prima
perché avete votato ancora
la sicurezza, la disciplina,
convinti di allontanare
la paura di cambiare
verremo ancora alle vostre porte
e grideremo ancora più forte
per quanto voi vi crediate assolti
siete per sempre coinvolti,
per quanto voi vi crediate assolti
siete per sempre coinvolti.

Da “Sogno numero due

Ascolta
una volta un giudice come me
giudicò chi gli aveva dettato la legge:
prima cambiarono il giudice
e subito dopo
la legge.

Oggi, un giudice come me,
lo chiede al potere se può giudicare.
Tu sei il potere.
Vuoi essere giudicato?
Vuoi essere assolto o condannato?

Fabrizio De Andrè cantava queste canzoni nel 1973 nell’album “Storia di un impiegato“. Se la prima citazione si è verificata ad aprile, la seconda non si è ancora realizzata, ma con tutti gli attacchi giornalieri alla giustizia da parte di Berlusconi sembra non essere molto distante il giorno in cui si accadrà anche questo.

Mi chiedo solo se fosse avanti lui, o se siamo indietro noi.

Annunci

Read Full Post »

Non scopro l’acqua calda se dico che la Carfagna si è fatta strada a suon di pompini, dico solo che, ora che l’hanno piazzata al ministero delle Pari Opportunità, io mi aspettavo una dose annua di fellatio gratis (al grido di “più pompini per tutti”). Non so, potevano fare una sorta di Carta Sociale: invece di trattare su 400 miseri euro all’anno mettevano in ballo una cinquantina di pompini annui. Perchè cos’è ‘sta storia che c’è chi si diverte e chi no? Dove sta la mia parte? Pari opportunità per tutti, cribbio.

E se le donne reclamano una Carta Sociale per i cunnilingus gliela si concede, chè qua non si sta a guardare in faccia a nessuno (anche perchè durante un rapporto orale si è impegnati a far altro).

Read Full Post »

A 70 anni dalle leggi razziali fasciste c’era proprio bisogno di festeggiarle promulgando nuove leggi razziste?
Io ne avrei fatto anche a meno, ecco.

Il prossimo passo è di marchiarli a fuoco? Occhio al copyright..

Read Full Post »

Io, quassù, dove spreco la mia vita, è quasi due mesi che non vedo un periodo di bel tempo che sia duraturo.
Pochi giorni di sole, qualche giorno grigio di nuvole e una marea di giorni piovosi, molti dei quali temporaleschi.
Sto mettendo le branchie, tanto per dirla tutta.

Ora, non vorrei fare la tirata sul fatto che da due mesi esatti – giorno più giorno meno – Berlusconi (nella foto a destra mentre si spreme le meningi per risolvere la delicata situazione italiana) abbia vinto le elezioni e che da allora qua da me piova, ma mi sa tanto che mi tocca farla.

Quindi: qua è due mesi che piove, più o meno da quando ha vinto Berlusconi. Cazzo.

Che altro dire? Ah, già..
Piove.
Governo ladro, ça va sans dire.

Read Full Post »

Baciamo le mani.

– Che poi, io, fossi in Ratzinger, avrei schifo a farmi baciare la mano da un verme simile. Inoltre guarderei che non mi abbia fregato l’anello, altro che Robin Tremonti dei miei coglioni..
– Che poi, io, fossi in Berlusconi, avrei schifo a baciare un figuro simile.

Non sono nè Truffolo ne il pastore tedesco, però posso dire che queste due foto sono pura diarrea visiva.
E non ho nemmeno voglia di parlare della diarrea uditiva delle parole che si sono detti, chè sto mangiando e non voglio passare la notte sul cesso a vomitare.

Read Full Post »

Ok, sono passati quattro giorni dal risultato delle elezioni e si può finalmente ragionare e commentare a mente fredda senza facili isterismi.

Il PdL ha vinto con il 47,3%/46,8% (Senato/Camera) mentre Veltroni è arrivato solo a 38%/37,5%.
Grande riscossa della Lega (8%/8,3%) e dell’Italia dei Valori (4,3%/4,3%), forse dovuto alla sensazione di insicurezza e di sfiducia nella politica.
Sonora debacle della sinistra che cade fragorosamente e scompare pressochè nel nulla, così come la Destra.
L’UDC invece si salva per un pelo, al contrario di Ferrara che letteralmente scompare (ed è difficile dato la sua stazza).

Alla fin della fiera Berlusconi ha vinto ancora e si farà carico del Governo del paese per altri 5 anni.

Italiani, ve lo dico a mente fredda, freddissima. Dicevo – italiani, detto fra noi e a mente fredda: siete delle grandissime e incommensurabilissime teste di cazzo.

A mente fredda, eh.

Read Full Post »

L’università mi sta ciucciando via ogni forza di vivere, ogni voglia di fare anche il benchè minimo sforzo. Così, di conseguenza, anche la mia presenza sul blog si è drasticamente ridotta, nonostante avessi molte cose da dire.

Avrei voluto parlare del video in cui Calabresi sputtana la Chiesa per quanto riguarda la questione degli omosessuali (che se ci fossero persone intelligenti non sarebbe affatto una “questione”, ma vabbè..). Avrei voluto affermare che sarebbe anche ora di bacchettarla, ‘sta Chiesa, che questa volta ha decisamente cagato fuori dal vaso in modo vistosissimo. Altrimenti imbastisco una nuova guerra per inglobare Città del Vaticano con l’Italia e poter costruire nuovi parcheggi buttando giù un po’ di palazzi. Tanto bastano 15 uomini, una fionda (leggasi “contrappasso”) e uno stuzzicadenti ciascuno; in fondo sono svizzeri, che ci possono fare?
Ne avrei voluto parlare, ma ci ha pensato lui.

Avrei voluto parlare della nuova iniziativa di Dawkins (The Out Campaign), che prevede di mettere una “A” per riconoscere il blog di un ateo. In pratica avrei solo detto che aderivo e che avrei messo anch’io, sulla colonna di destra, la “A” riconoscitiva sul mio blog per non nascondere il mio ateismo. Che poi non porti a nulla questa campagna lo so benissimo, ma intanto io mi faccio riconoscere.
Ne avrei parlato, ma ha già detto tutto lui.

Avrei anche voluto parlare di Berlusconi che, con un gesto antidemocratico, ha strappato il programma del PD. Avrei parlato anche del Berlusconi antipolitico che accetta un fascista nel partito solo perchè può fargli propaganda, nonostante Fini fosse già nero (presumo anche d’umore, ma non ci giurerei).
Avrei parlato della prima cosa se non fosse passato troppo tempo, mentre della seconda cosa si è già occupata lei.

A me quindi cosa resta da dirvi? Nulla.
Cosa vi ho detto? Nulla.

Ci sentiamo un’altra volta.

Read Full Post »

Older Posts »